Earth Day

Earth Day, Giornata Mondiale della Terra, è il giorno in cui sono celebrati l’ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra. Le Nazioni Unite celebrano questa ricorrenza ogni anno, un mese e un giorno dopo l’equinozio di primavera, il 22 aprile. 

Nata il 22 aprile del 1970 per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra. 

Ma nessuno degli Stati che hanno deciso questa giornata, rispetta l’ambiente, anzi, l’utilizzo incontrollato delle risorse naturali sta uccidendo il pianeta. Lo sfruttamento eccessivo, senza regole, al solo scopo di trarre maggior profitto, distrugge la natura.

Con la Giornata Mindiale, si intendeva sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione centrale che unisce tutta l’umanità: proteggere la nostra casa comune.

Ma i governi, tutti i governi, parlano bene ma razzolano male. Dicono di proteggere invece sfruttano, dicono di essere consapevoli invece arraffano. Le risorse idriche stanno diminuendo, con gravi rischi di siccità e di sete per intere popolazioni. Il cambiamento climatico, l’inquinamento, le emissioni fossili, tutto uccide il pianeta e le popolazioni. A questo scempio corrisponde l’aumento di ricchezza per pochi e l’aumento di povertà per tanti.

Il pianete Terra è allo stremo. Non riede più a respirare. Non riesce più a risanare ciò che l’avidità dell’uomo distrugge.

Voglio ricordare che l’Earth Day è stato istituito un anno dopo il disastro ambientale causato da uno svernamento di petrolio dal pozzo della OIL OI al largo di Santa Barbara, in California. Un incidente petrolifero di proporzioni enormi e disastrose. Ma ormai tutti i giorni si ripete lo stesso incidente in forme e modi diversi. Ma tutto uccide e fa collassare la Terra.

Si calcola che il 22 aprile in tutto il mondo, sono coinvolte nella ricorrenza dell’Earth Day, circa un miliardo di persone, una cifra enorme, ma non sufficiente a far cambiare atteggiamento ai governanti che continuano a depredare le risorse naturali del pianeta, causando danni irreparabili.

Emanuele Caldarelli

Print Friendly, PDF & Email